imag_one_top
page-image

car pooling

Cos'è e come funziona?

Con car pooling si indica una modalità di trasporto che consiste nel condividere l'auto privata tra un gruppo di persone. È un modo di muoversi in grado di ottimizzare le risorse disponibili: i posti liberi di ogni auto.

image

COS'È?

Il termine inglese car pooling, corrispondente in italiano ad "auto di gruppo" o "viaggio condiviso", indica una modalità di trasporto che consiste nella condivisione di un viaggio in auto tra un gruppo di persone. Il fine principale è quello di ridurre i costi del trasporto dell'equipaggio (il gruppo di persone in viaggio) e della collettività. Il funzionamento prevede un autista che metta a disposizione i posti liberi della propria auto per trasportare persone che hanno le stesse esigenze di viaggio: origine, destinazione ed orario; persone che avrebbero utilizzato la propria auto per effettuare lo stesso spostamento. I passeggeri, invece di sostenere la spesa del proprio spostamento con il veicolo individuale, contribuiscono alle spese di viaggio rendendo il car pooling una soluzione economica sia per l'autista che per i passeggeri stessi; inoltre la riduzione del numero di veicoli circolanti riduce il traffico e le emissioni inquinanti in atmosfera. L'organizzazione dei componenti dell'equipaggio può avvenire attraverso sistemi on line nei quali indicare la propria programmazione di viaggio e le proprie preferenze e dove può avvenire l'incontro tra domanda ed offerta di viaggi.

image

COME FUNFZIONA?

Il car pooling è la condivisione di un viaggio in auto da parte di un gruppo di persone. Il funzionamento è molto semplice: chi si sposta con la propria auto offre un passaggio a chi preferisce non utilizzare il proprio veicolo. Attraverso un sistema on line ogni autista può pubblicare la propria pianificazione di viaggio, mentre chi cerca un passaggio, attraverso lo stesso sistema, può verificare se qualche autista può soddisfare la sua richiesta di trasporto. In caso di match tra domanda ed offerta chi cerca un passaggio può proporsi come passeggero e prendere contatti con l'autista definendo con lui le modalità di trasporto. Quindi l'autista che offre dei passaggi sul proprio veicolo dovrà semplicemente pubblicare la propria programmazione su un portale web o applicazione mobile mentre i passi da seguire per un utente che ricerca un passaggio sono i seguenti: cercare un passaggio attraverso un portale oppure un applicazione; trovare l'autista giusto per il proprio tragitto; concordare un punto d'incontro ed un eventuale rimborso; condividere il viaggio risparmiando.

image

QUANTO COSTA?

I passeggeri, invece di sostenere la spesa del proprio spostamento con il veicolo individuale, contribuiscono alle spese di viaggio degli autisti, rendendo il car pooling una soluzione economica per tutti. Esistono diversi modi per gestire i pagamenti, dai semplici rimborsi monetari che avvengono direttamente tra autisti e passeggeri, a più trasparenti transazioni economiche effettuate in automatico tra conti virtuali associati agli utenti. Per la mediazione dei passaggi si stanno sviluppando numerose piattaforme online gratuite che permettono agli utenti di cercare ed offrire passaggi. Tali piattaforme spesso offrono la possibilità agli utenti di calcolare un rimborso spese consigliato da chiedere oppure offrire, a seconda che si metta a disposizione oppure si chieda un passaggio. Tale rimborso viene calcolato sulla base dei chilometri percorsi assieme dagli utenti e delle eventuali deviazioni che l''utente che offre il passaggio dovrà effettuare. Allo stato attuale la maggior parte delle piattaforme non gestisce il pagamento in maniera automatica ma lascia agli utenti la possibilità di chiedere o meno un rimborso. Nel caso del car pooling si ha quindi che da un punto di vista economico gli utenti hanno la possibilità di condividere le spese di viaggio abbattendo i costi per lo spostamento che altrimenti avrebbero dovuto affrontare da soli.

image

COME SI INTEGRA?

I servizi di car pooling, pur funzionando come una rete di trasporto a se stante, risultano facilmente integrabili con i servizi di mobilità tradizionali quali bus e treni. I luoghi dove si concentrano le destinazioni di molti utenti (stazioni ferroviarie, autostazioni, poli lavorativi, parcheggi di interscambio, ecc.) sono nodi della rete funzionali per l'interscambio con altri mezzi. La possibilità di definire, nelle maschere di ricerca dei compagni di viaggio, degli orari limite entro cui arrivare o ripartire dal nodo di interscambio, permette di individuare immediatamente gli autisti che possono rispondere alle esigenze di chi deve prendere un mezzo ad orari prefissati.

Vantaggi

  • 1

    Riduzione dei costi di viaggio

    La riduzione dei costi di viaggio ottenuta grazie alla condivisione di un veicolo tra più persone per uno spostamento tra due punti comuni permette di risparmiare anche oltre il 75% dei costi variabili legati ad un viaggio.

  • 2

    Benefici per la collettività

    La riduzione delle auto in circolazione ha come conseguenza diretta un minore traffico che comporta: tempi di trasferimento minori, una riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera ed una maggiore disponibilità di parcheggi.

  • 3

    Integrazione sociale

    Viaggiare in compagnia permette ai compagni di viaggio di conoscersi e di confrontarsi. Nuove conoscenze e nuove amicizie permetteranno di ampliare la propria rete sociale.